Giammarco e l'Adriatico

Istituto per gli Studi Adriatici

Convegno CISDID in Italy

In Memory of Ernesto Giammarco

Mare Gratis di Fabio Fiori

Campagna Soci

VITO MORETTI

Vito Moretti vive tra San Vito Chietino – dove è nato – e Chieti – dove risiede -; docente universitario, è scrittore e poeta in lingua e in dialetto. Ha esordito meno che ventenne in poesia nel 1968 e, da allora, ha pubblicato una lunga e ininterrotta serie di volumi, taluni ristampati, altri tradotti nelle principali lingue europee. Da ultimo si segnalano Principia (Tabula Fati, Chieti 2016), La case che nenze chiude (ivi, 2013), Luoghi (ivi, 2011) e Dal portico dell’angelo (Tracce, Pescara 2014).

Ha tenuto incontri culturali e letture di poesia in Russia, in Francia, in Irlanda, in Turchia, negli Stati Uniti e in altre località, sia in Europa che in Italia. Ha dato alle stampe anche tre libri di racconti e una raccolta dei suoi interventi teorici sul dialetto e sulla poesia contemporanea. Per la sua attività di scrittore e di poeta ha ricevuto prestigiosi riconoscimenti ed è stato oggetto di vari lavori monografici.

 

Da: Mo che vè la sere (2013)

 

Na lambàre va ’ppiccènne

 

Na lambàre va ’ppiccénne

una a une tutte le stelle

ch’à cascate a mmare

e na paranze j va ’pprèsse

a ccavaciulle de la lune.

 

Ugneccose sa cadéndre a la notte

s’arecumènze a ciavulijà

nghe le vejje de lujurne

e se fa arde nu ccone de ’nnucenze,

nanzigne de paure.

 

È nu vijaje la matine

 

È nu vijaje la matine

nghelu sole che se mette

a sciannechejà fra céle

e mmare. Me vè la vojje

destènnemedèndre a lu respire

de stupahésemè

e de ’ddurà la ciprie che mamme

spulverégne l’acqua sande

e de sciuvelàdapù

nghe l’uocchie chiuse

finendeaddóarrive la spume

de l’Adriateche, finende a lumistére

de chill’amore che me metteve n-gore

mijare de stelle e lusurrise

de naninnananne.

 

Da: Principia (2015)

 

venerdì 21 novembre

 

          Fa versi la darsena

al sorso dei marosi e delle spume

ed è bianca di focolare

la preghiera dei pescatori

nel porto delle nuvole

e degli acquazzoni. 

 

          Canta la messa

lo sguardo delle mogli

e sa di ruvida marina

il bacio dei più giovani. 

 

          La mia pagina

è chiusa nel vetro d’una bottiglia

e si consegna al ciglio

della luna nascosta, allo spoglio

delle sue umide ombre.

 

 

mercoledì 3 dicembre

 

Sul treno lascio l’inverno

ai piccioni di San Marco e al mare

scavato nel grembo degli archi

e delle scale. Ho già gli odori

dell’Adriatico, i nodi che spendo

ad ogni ritorno, i pensieri

al peso leggero delle domande

e delle suppliche. Avrò pena soltanto

nel rivedere il nespolo secco,

il muro scrostato del cortile,

l’avanzo di siepe che dorme

nel gelo. Ma nella casa

ho anni astuti di versi, agiate

periferie alla finestra, risacche

al passo feriale dei mesi

e degli ombrelli: un miracolo

nel vaticinio di dicembre, un prodigio forse

nella minuzia dell’età.